Video – Installazione WordPress, automatica o manuale, vediamo le due procedure

L’installazione di WordPress è una delle operazioni più semplici da eseguire anche se sembra una delle cose più spaventose, è estremamente semplice e adatta anche a chi non ha particolari cometenze.

Cosa imparerai in questo tutorial:

  • Come fare l’installazione totalmente automatica di wordpress da cPanel (Video)

Oppure:

  • Come fare l’installazione di wordpress manuale
  • Dove si scarica wordpress in italiano
  • Cos’è un hosting Linux
  • Cos’è un server FTP
  • Quali software FTP usare
  • Creazione del database per wordpress (Video)
  • Modifica del File di configurazione di WordPress
  • Quali software di modifica del codice usare
  • Caricamento dei file online
  • Installazione di wordpress una volta caricato tutto online nel modo corretto

Una volta compreso come si installa un CMS come WordPress, diventa semplice capire la logica che si nasconde dietro tutti i siti dinamici.

Iscriviti adesso e ricevi nuovi post come questo nella tua casella email!

Oggi la stragrande maggioranza degli hosting come ad esempio BlueHost hanno già nei loro pannelli di controllo degli script (programmi che eseguono delle operazioni specifiche su richiesta dell’utente) automatici che permettono l’installazione di WordPress semplicemente premendo un pulsante.

E’ sufficiente inserire qualche informazione, come il titolo, la username e la password, premere il pulsante installa, ed il gioco è fatto.

Ovviamente tutti questi passaggi prevedono che voi abbiate giá acquistato uno spazio web ( un dominio ) e che abbiate associato a questo dominio un ” Hosting server linux”.

Cos’è l’hosting server linux?

Il server linux è un tipo di “computer”, passatemi il termine, che invece di avere al suo interno “Windows” ha un sistema di nome Linux.
In questo sistema chi ci fornisce lo spazio web ospiterà il nostro sito.

L’operazione eventualmente di acquisto del dominio é molto semplice, é sufficiente seguire le istruzioni del servizio di hosting e ricordarsi di associare ( acquistare ) associato al dominio un servizio di hosting su server linux, in modo da poter avere un database.

In caso dimentichiate questa seconda parte, nulla di grave, perché si puó fare senza problemi in un secondo momento.

Ora immaginiamo di avere acquistato il dominio www.vacanzemarinamarea.com e di avere avuto i dati di accesso al pannello di controllo del nostro hosting.

Oggi la grande maggioranza degli hosting, salvo che non specializzati, utilizzano come pannello di controllo il cPanel, in questo modo, anche cambiando di hosting il metodo di lavoro rimane lo stesso.

Io in genere utilizzo Blue Host o JustHost come servizio di hosting per ottimi motivi che spiego nella zona risorse, quindi qui di seguito ho pubblicato un video che mostra come si fa l’installazione di WordPress in automatico tramite il pannello cPanel di BlueHost.

[1] Installazione automatica (Video)

La procedura di installazione wordpress totalmente automatica rimane invariata per tutti gli hosting che utilizzano cPanel ed è la seguente:

La cosa interessante di wordpress é che puó essere anche installato a mano, senza procedure automatiche e l’installazione oltre che semplice é interessante perché permette di capire molto del funzionamento del sistema.

Vediamo come si esegue l’installazione di wordpress in modo totalmente manuale.

[2] Installazione Manuale

Installare wordpress a mano (creare database e caricare i file)

A volte, è bene conoscere la procedura manuale per installare WordPress, perchè in caso qualcosa non funzioni come dovrebbe, o vada storto nell’installazione automatica, sapendo come la procedura viene fatta a mano si sará in grado di analizzare dove é il problema, e capire come e dove eventualmente interagire per risolverlo.

Conoscere inoltre la procedura manuale permette di avere coscienza di come effettivamente funziona il sistema server / database, che seppur con nomi altisonanti e spaventosi in realtà alla fine è una cosa molto più semplice di quel che si crede.

Suddividiamo la procedura in operazioni logiche e poi andiamo a vedere nello specifico come si esegue ogni operazione.

Se non hai un’idea di come sia la struttura Server che ospita wordpress leggi prima l’articolo: “Come funziona una server wordpress”

Quando ti sarà più chiara la sequenza Client (Firefox, Chrome, Safari, Explorer, etc..) —> Server online —> Database nel server, ritorna in questo articolo e prosegui nella lettura.

La procedura per installare WordPress a mano è in realtà molto semplice e si può suddividere in sostanza nei seguenti passi:

  • Creare un database
  • Modificare il file di configurazione di wordpress
  • Caricare i file di WordPress sul server online
  • Eseguire la procedura di installazione di WordPress

Per svolgere queste operazioni non sarebbero necessari software particolari, perchè tutto potrebbe essere fatto con un semplice editor di testo come wordpad del PC o il Textedit del Mac.

Sconsiglio a questo scopo di utilizzare per lavori nel web assolutamente software come Word di Microsoft o l’editor di testo di openoffice se possibile, perchè quando si salva, o si copia ed incolla il testo con questi software, aggiungono dei caratteri nascosti o dei codici per l’allineamento del testo che poi non permettono al codice scritto di funzionare bene.

Comunque pur essendo possibile fare le modifiche ai file tramite wordpad o textedit, avere un editor di testo specifico per lo scopo, per i linguaggi HTML, CSS e PHP aiuta moltissimo, sia perchè visualizza il testo evidenziando e dividendo il codice dal testo con colori differenti, e quindi rendendo molto più semplice la comprensione del tutto, che nello scongiurare definitivamente l’inserimento di codice nascosto nel salvataggio o nel copia incolla.

Editor di codice avanzati

Per chi inoltre scegliesse di utilizzare degli editor di codice avanzati, si trovano integrate spessp delle funzionalità di collegamento al server online che facilitano di gran lunga le operazioni di modifica dei file sul server, fino addirittura a funzioni avanzate per poter lavorare sul codice del sito graficamente dall’interno del programma, vedendo in diretta quali modifiche stiamo apportando.

Software che permettono questo sono ad esempio DreamWeaver, il famoso software a pagamento di Adobe, oppure si possono scegliere soluzioni gratuite come ad esempio  Aptana Studio, oppure Eclipse, che sono software eccellenti estremamente competitivi, in grado di adattarsi ai diversi linguaggi in commercio, con una quantità incredibile di funzionalità avanzate utili in fase di sviluppo.

Tutti questi editor inoltre sono multipiattaforma e quindi disponibili sia per Mac che PC e Linux.

Online inoltre si trovano altre soluzioni valide con funzionalità che si adattano ai differenti stili di programmazione, quindi eventualmente una sana ricerca su google non guasta mai.

Editor di codice semplici (Mac e PC)

Nel nostro caso però non vogliamo complicarci troppo la vita e per effettuare le piccole modifiche di installazione che a noi servono, non ha senso di certo acquistare software avanzati, o apprendere come utilizzare una serie di software complessi, anche se free, perchè dovremmo cambiare solo 4 righe di codice in tutto, quindi è sufficiente un software semplice ma eccellente per tutti questi lavori che è ad esempio Text Wrangler, per utenti Mac, gratuito ed in grado di dare una grossa mano al nostro lavoro, oppure l’eccezionale ed diffusissimo Notepad++   per i possessori di sistemi Windows.

Una volta modificati a dovere i file di WordPress, ci servirà un software per eseguire il caricamento dei file all’interno del server online (spazio web per il sito) quindi avremo bisogno di un altro software per il caricamento dei dati online via FTP, ed in questo caso utilizzeremo il diffuso e pratico software multipiattaforma Filezilla, anche questo rigorosamente free, adatto sia agli utenti Mac che PC.

Di software FTP ne esistono moltissimi altri, quindi se già ne utilizzate con successo uno, semplicemente eseguite la procedura con il vostro preferito.

Cos’è un software FTP ?

In effetti questa è una doverosa premessa, e prima di passare alla fase pratica spendiamo due parole su cosa sia un software per il trasferimento di file via FTP.

Prima di tutto FTP è semplicemente un protocollo per il trasferimento di file (File Transfer Protocol) e cioè un sistema che permette a due computer, e cioè il nostro computer ed il Server online, di scambiarsi file, e dunque scaricare (Download) file dal computer “remoto” (il server online) e inviare / caricare (upload) i dati dal nostro computer (client) al server online.

Siamo pronti a questo punto per partire.

Passo 1: Prepariamo il nostro ambiente di lavoro.

Quindi, prima di tutto installiamo il nostro editor di testo e prepariamo l’ambiente di lavoro per affrontare la prossima sfida, scarichiamo ed installiamo il nostro software di editing e FTP (se non abbiamo già dei software di nostra preferenza che svolgono le stesse funzioni) e procediamo con le operazioni seguenti.

Ecco i link per il download:

Editor di testo Notepad++ (Windows PC) http://notepad-plus-plus.org/download/v6.3.3.html
Text Wrangler (Mac OS) http://www.barebones.com/support/textwrangler/updates.html

Filezilla FTP: https://filezilla-project.org/download.php

Passo 2: Creazione del Database online.

Ok, questa operazione potrebbe sembrare la più difficile e complicata, anche se in realtà è una delle operazioni più semplici ed immediate da fare, perchè il duro lavoro lo farà poi WordPress, solo che a molti spaventa l’idea di avere a che fare con qualcosa di così nuovo e sconosciuto, però oggi andremo a toccare con mano questa procedura, proprio per rompere questa paura definitivamente.

A seconda del pannello di controllo con il quale staremo lavorando, ( a seconda dell’hosting che possediamo) la parte iniziale della procedura potrebbero variare.
A volte ci sono delle differenze sostanziali sui pannelli di controllo, ma la logica ed i comandi della procedura rimangono gli stessi.

Se utilizziamo Hosting come BlueHost che utilizzano c/Panel, uno dei più diffusi pannelli di controllo per hosting in circolazione, la procedura rimane la stessa per tutti gli hosting che lo adottano.

Per avere un idea comunque di come possa essere la procedura per il servizio specifico, in generale ogni servizio di hosting ha una sezione di aiuto in linea che spiega passo passo la procedura sul proprio pannello.

Noi vedremo come si esegue la procedura in Blue Host con c/Panel, ma la logica rimarrà la stessa in tutti i sistemi di hosting basati su cPanel.

La procedura si divide in 3 fasi principali:

Creazione del database

Creazione di un Utente per il database (User e Password) – Ogni database per essere utilizzato ha bisogno di avere un utente associato, al quale imposteremo dei permessi di accesso al database specifici.

Nel nostro caso, l’utente che andremo a creare avrà l’autorizzazione ad eseguire qualsiasi operazione disponibile sul database.
Associare l’utente al Database

Quando eseguite la procedura ricordatevi sempre di trascrivere da qualche parte User e Password, e nome database che andremo a scegliere, perchè ci serviranno nelle fasi successive.

A volte gli hosting che utilizzano un servizio differente da cPanel, potrebbero fornire un indirizzo specifico per connettere il database, in tal caso ricordatevi di trascrivere anche l’indirizzo del database, importante per la configurazione di WordPress.

Se eventualmente dimenticate quest’ultima parte, non vi preoccupate perchè tutti i dati si possono reperire in un secondo momento semplicemente rientrando nel nostro pannello di controllo.

Per capire al meglio la procedura qui di seguito troverete un video che vi mostra quanto sia semplice questa operazione:

Come avrete notato (spero), creare il database è una procedura abbastanza semplice.

Ora che abbiamo creato il nostro database e abbiamo Utente, Password e nome database, procediamo con i prossimi passi. Non manca molto, siamo quasi a destinazione.

I prossimi passi sono:

  • Scaricare WordPress dal sito ufficiale
  • Modificare il file di configurazione per connettere WordPress al database
  • Configurare Filezilla con l’account FTP
  • Caricare nel server WordPress con i nuovi dati di configurazione
  • Dare avvio all’installazione di WordPress

Punto 1: Scaricare WordPress dal sito ufficiale

Questa è ovviamente l’operazione più semplice da farsi.

WordPress si può scaricare sia in versione Italiana, che in versione Inglese.

Non fa alcuna differenza quale delle due si installa, perchè sono identiche tranne una piccola modifica nel file di configurazione, e nella cartella wp-content/language/ i files che contengono la traduzione in lingua Italiana (o altri file lingua in caso volessimo fare l’installazione in altre lingue).

Per dare tutte le informazioni complete vediamo dove scaricare la versione inglese e la versione già impostata in lingua Italiana.

E poi vedremo come nel file di configurazione andremo ad impostare sia il database che le impostazioni di Localizzazione (Il file lingua).

Noi scaricheremo i file in Italiano perchè già contengono la cartella “Language” ed i file di lingua che ci interessano. Eventualmente ricordo che per modificare la versione italiana e riportarla in lingua inglese è sufficiente cambiare un parametro nel file di configurazione come vedremo tra poco.

WordPress in versione Italiana: http://it.wordpress.org/

WordPress in versione Inglese: http://wordpress.org/download/

Scaricare WordPress è molto semplice, ad uno dei due indirizzi sopra riportati troverete il sito ufficiale di WordPress rispettivamente in italiano ed in inglese, all’interno dei quali troverete il pulsante Download evidente in alto a destra della pagina.
Premere sul pulsante Download, scegliere la posizione dove salvare il file che stiamo per scaricare e far partire il download (Scaricamento).

Una volta che il download sarà completato avremo un file wordpress.3-x-x-it_IT.zip o qualcosa di simile compresso in formato .zip (.zip sono file archivio salvati in formato compresso) scaricato nella nostra cartella che avremo selezionato.

Per poter modificare il file di configurazione dobbiamo prima “scompattare” il nostro archivio e quindi avere accesso ai file in esso contenuti.

Nulla di più facile, probabilmente nel vostro sistema operativo avrete già un software per decompattare i file zip, quindi sarà sufficiente dare il comando “Apri archivio” o “Scompatta Archivio” o simili, a seconda della versione e del sistema operativo che state utilizzando.

Se non avete questa funzione installata vi consiglio di scaricare questo software free che io personalmente utilizzo, che permette di scompattare file .zip e .rar all’occorrenza ed è disponibile nelle due versioni, Mac e Windows.

Stuffit expander Win: http://www.stuffit.com/win-expander.html
Stuffit expander Mac: http://www.stuffit.com/mac-expander.html

Per completezza di informazioni, Stuffit in versione free è in grado di scompattare file, ma non di creare archivi, eventuali funzioni di compressione e altre funzioni aggiuntive possono essere integrate acquistando una licenza completa. Ecco la tabella comparativa delle differenti soluzioni: http://www.stuffit.com/mac-expander.html

Una volta ottenuto l’archivio e scompattato sul vostro Hard Disk vi ritroverete una serie di file il cui nome inzia per wp-…. e 3 cartelle, rispettivamente wp-content , wp-admin e wp-include.

Le cartelle wp-admin e wp-include, sono cartelle di sistema, e nel 99% dei casi non sono mai da toccare, mentre la cartella wp-content, è sostanzialmente la cartella riservata a noi operatori, dove possiamo caricare plug-in (piccoli software che aggiungono funzionalità al sito), temi, file multimediali di ogni genere, e inoltre nella sotto cartella language i files per la gestione della localizzazione (i file di lingua) che ci permettono di avere wordpress in varie lingue.

Sporchiamoci le mani nella struttura di WordPress: Verificare la presenza dei file lingua

Se avete scaricato la versione Italiana come consigliato prima, all’interno della cartella wp-content quindi, dovreste trovare una sottocartella di nome Languages, al cui interno troverete i file di lingua come and esempio it_IT.po e una serie di file affini come admi-it_IT.mo, admin-it_IT.po etc..

Ovviamente i file it_IT corrispondono alla lingua italiana.

WordPress è in inglese nativo, quindi se non ci fossero i file us_EN non c’è di che preoccuparsi.

Non dobbiamo eseguire nessuna operazione in questa cartella, questo passaggio ci è servito solo per dare un occhiata a come è la struttura di WordPress e per capire nel prossimo passo cosa andremo a fare sul file di configurazione.

Se non fosse presente la cartella Languages, in tal caso non sarà possibile cambiare la lingua di wordpress da Inglese a Italiano, e quindi si dovrà procedere a scaricare eventualmente la versione italiana e copiare la cartella Languages all’interno della nostra cartella, oppure nel caso tutti i file fossero già online, caricare la cartella online nell’apposita sezione.

Se stiamo facendo una installazione completamente ex novo, ovviamente possiamo semplicemente utilizzare la versione appena scaricata che già contiene i file lingua.

Modifichiamo il file wp-config.php il cuore di WordPress

Siamo arrivati agli ultimi passaggi, è arrivato il momento di cambiare il file di configurazione e caricare il nostro wordpress.

Seguite le operazioni in questo senso:

  • Entrare nella cartella principale di WordPress appena scaricata
  • Trovare il file nominato wp-config-sample.php
  • Aprire con TextWrangler o con Notepad++ il file e apportare le modifiche necessarie

All’interno del file troverete diverse righe di codice, non vi spaventate, sarà un operazione semplice.

Tenete ora a portata di mano il nome del database che abbiamo creato in precedenza e lo user e la password che abbiamo collegato al database.

Le righe che ci interessano di più all’interno del file wp-config-sample.php sono 4 per la configurazione del database, ed una per la configurazione della lingua che probabilmente sarà già impostata nella versione italiana.

Quindi apriamo il file wp-config-sample.php e andiamo a modificare le seguenti righe che troveremo subito dopo i primi commenti:

define(‘DB_NAME’, ‘qui inseriamo il nome del database creato precedentemente’);

/** Nome utente del database MySQL */
define(‘DB_USER’, ‘qui inseriamo lo user del database creato in cPanel’);

/** Password del database MySQL */
define(‘DB_PASSWORD’, ‘E qui inseriremo la password creata in cPanel’);

Il parametro  define(‘DB_HOST’, ‘localhost’); a meno che non ci siano indicazioni differenti da parte dell’hosting (ed in genere questo accade per hosting che non hanno cPanel) dovrà essere cambiato con quello che ci verrà dato sulle impostazioni del database nel pannello di controllo dell’hosting.

Iscriviti adesso e ricevi nuovi post come questo nella tua casella email!

Attenzione, come affrontare eventuali problemi !

In questa fase stiamo lavorando sul codice, quindi non sono ammesse imprecisioni di nessun genere, come la cancellazione di parti in più, o dimenticare un apice, un punto e virgola o una parentesi. Anche solo uno di questi errori farà si che l’installazione di WordPress non funzionerà.

Attenzione nel file wp-config.php

In caso qualcosa non dovesse funzionare dopo l’installazione, e wordpress non sia visibile, la prima cosa da ricontrollare è il file wp-config.php ed il consiglio è quello di riprendere il file wp-config-sample.php e ripetere la procedura di modifica da capo, rinominarlo nuovamente e caricarlo nuovamente sul server riscrivendo quello vecchio.

Nel file di configurazione di WordPress inseriremo SOLO i dati inseriti nella configurazione del database e dello User e Password che abbiamo connesso al nostro database.
I dati vanno inseriti tra gli apici ‘ ‘ , e va mantenuta ASSOLUTAMENTE la struttura define(‘CODICE’, ‘parametro’); , dove CODICE non deve essere MAI modificato, mentre noi modificheremo la voce “Parametro”.

Vediamo un esempio pratico:

se ad esempio avessimo scelto i seguenti dati:

nome database: viaggialmaredb
user connesso al database: sonnypesca2
password user: Minimarket_33

il nostro file di configurazione si presenterà così:

define(‘DB_NAME’, ‘viaggialmaredb’);

define(‘DB_USER’, ‘sonnypesca2’);

define(‘DB_PASSWORD’, ‘Minimarket_33’);

define(‘DB_HOST’, ‘localhost’);

Tutte le voci che si troveranno comprese tra /* e */ sono semplicemente dei commenti che aiutano nell’individuare lo scopo delle varie funzioni.

Tutte le altre funzioni “define” che troveremo sotto saranno da lasciare invariate.

L’unica voce che andremo solo a controllare per capire come eventualmente si potrebbe cambiare la lingua della nostra installazione WordPress sarà la seguente:

Se scorrete verso il basso troverete una linea di codice così:

define(‘WPLANG’, ‘it_IT’);

Come noterete richiama il valore it_IT, che corrisponde in effetti in parte ai nomi files nella cartella languages.

Solo per informazione, se volessi la mia installazione in inglese dovrei sostituire il it_IT con en_US ed il gioco è fatto.

Ottimo, per concludere in bellezza il nostro lavoro salviamo il nostro file e rinominiamolo da wp-config-sample.php a wp-config.php per renderlo effettivamente il file di configurazione da utilizzare online.

IMPORTANTE!!!

Ora che abbiamo salvato il nostro file wp-config-sample.php andiamo nella cartella wordpress dove è contenuto e rinominiamolo in wp-config.php eliminando la dicitura “-sample” così da trasformarlo in effetti nel file di configurazione definitivo.

Il file wp-config-sample.php se ne avete ancora una copia nella cartella, potete tranquillamente cancellarlo, l’importante è che verifichiate di avere il wp-config.php.

Così facendo siamo arrivati al punto fondamentale del nostro lavoro, caricare tutti i file online e finalmente dare vita al nostro sito in WordPress.

Ora dovremo recuperare le informazioni per collegarci al nostro account via FTP

Prima di tutto entriamo nel pannello di controllo c/Panel del nostro servizio di Hosting Bluehost e scorriamo la pagina per trovare l’icona “FTP ACCOUNTS” come da figura. Facciamo click su FTP Account ed entriamo nella sezione per recuperare i nostri dati da inserire in filezilla.

clickaccountftp

Recuperiamo adesso le informazioni dell’account FTP nel nostro cPanel ed andiamo a compilare i campi necessari.

Scorriamo nella pagina degli account FTP fino alla sezione “Special FTP Account” dove troveremo uno o più utenti già creati in automatico da Bluehost.

Questi account FTP già esistenti sone degli account ad accesso completo, quindi quando accediamo con questi account possiamo vedere tutti i file che sono all’interno del nostro server, quindi dovremmo essere cauti per non cancellare qualcosa di importante, però niente paura.

Ora imposteremo Filezilla in modo da cercare di evitare ogni possibilità di errore.

Una volta individuata la sezione “Special FTP Account” scegliamo il primo account visibile, dovrebbe essere su sfondo grigio scuro. Per non incappare in errori, l’account deve essere quello senza la parte finale _log (MI RACCOMANDO, DOVETE USARE QUELLO SENZA _LOG).

Quindi scegliamo la riga dell’account senza _log, che dovrebbe essere la prima linea, e clicchiamo sul link all’estrema destra “Configure FTP Client” come da figura.

specialftpaccounts

Si aprirà un campo sul fondo con all’interno alcune opzioni che saranno da inserire in Filezilla per configurare la connessione.

In giallo nell’immagine è evidenziato un link che permette di scaricare un file se lo desiderate che può essere importato in Filezilla tramite il menù File –> Importa, per configurare una connessione in modo automatico. Comunque poi ci saranno alcuni campi da modificare, quindi io preferisco compilare tutto a mano.

ftpconfigure

Ora andiamo nel nostro Filezilla e iniziamo a completare i campi.

Caricare i file online di WordPress con Filezilla in Bluehost

Un piccolo passo per l’uomo, ma un grande passo per l’umanità!
Eccoci al momento topico del nostro viaggio.

Avviamo filezilla e andiamo in alto a sinistra sulla barra dei menù e selezioniamo  “File” —> “Gestione Siti”

Si aprirà una maschera simile a questa:

FilezillaConfig

In basso a sinistra troverete una serie di pulsanti tra i quali “Nuovo Sito”.

Cliccate su “Nuovo sito” e vi apparirà una maschera.

Nel campo host inseriremo il nome ftp del nostro sito, questo farà capire a Filezilla in che sito deve andare effettivamente a caricare i file.

Se come abbiamo premesso all’inzio, ad esempio il nostro sito si chiama www.vacanzemarinamarea.com noi sostituiremo il “www” con “ftp” e ne uscirà questo: ftp.vacanzemarinamarea.com che sarà la voce che dobbiamo inserire nel campo “Host”.

In realtà questo parametro lo avete già trovato nella maschera di prima con i dati di configurazione dell’FTP, alla voce “FTP server” e precisamente questa:

ftpconfigure

Quindi nel campo host inseriremo ftp.vacanzemarinamarea.com (attenzione! al posto di vacanzemarinamarea andrà inserito il nome del vostro sito)

Nel campo “Tipo di accesso” selezioniamo dal menu a discesa “Normale”

Ed inseriamo nel campo “Utente” il nome utente (username) anche questo trovato nella maschera della configurazione FTP, e nel campo “Password”  la password che utilizziamo per accedere al pannello bluehost.

Se cliccassimo connetti in questo momento, verremmo connessi al nostro spazio web, e si vedrebbe tutta la lista di file compresi i file utilizzati dal pannello di controllo etc..

Per chi vuole provare, potete fare un test di connessione cliccando il tasto connetti, però per aggiungere maggiore sicurezza, imposteremo adesso filezilla perchè possa accedere direttamente alla cartella www, che in effetti è quella nella quale andremo a caricare i files di wordpress.

Per impostare Filezilla per l’accesso diretto alla cartella /www dalla stessa maschera clicchiamo su Avanzate come da figura e inseriamo nel campo “Cartella Remota Predefinita” il valore /www

avanzate

A questo punto non ci resta che cliccare “Connetti” e osservare se la nostra connessione va a buon fine. Ecco uno screenshot (cattura dello schermo) di filezilla correttamente impostato:

FilezillaConfig

Nella fascia superiore di Filezilla ci sono tutte le informazioni di connessione.

Se la nostra connessione sarà andata a buon fine vedrete una schermata di questo tipo:

connessocorrettamente
Mentre se ci sono stati dei problemi di connessione troverete qualche errore di questo genere:

connessionefallita

Quando selezioniamo il tasto “connetti” dopo avere inserito tutti i dati del nostro sito, Filezilla salva in automatico tutte le impostazioni del nostro sito e quindi la prossima volta per accedere sarà sufficiente fare doppio clic sul nome del nostro sito che sarà apparso nella finestrella a sinistra.

In caso di necessità possiamo rinominare i nostri siti direttamente al suo interno, per ricordarci meglio di che sito si tratta, questo non comporterà nessun problema al nostro accesso FTP.

Se abbiamo eseguito tutto correttamente il nostro Filezilla si dovrebbe connettere al nostro server online e sulla finestra in basso a sinistra dovrebbe apparire il contenuto del nostro spazio web online.

Se non fosse andata così rivedete i passi per l’impostazione di Filezilla e cercate di capire quale possa essere l’errore. In genere gli errori più frequenti sono ad esempio nella digitazione di user e password, verificate anche maiuscole e minuscole, oppure sul nome dominio.

Se vi trovate in difficoltà e non riuscite a raggiungere lo scopo, lasciatemi un commento a fondo articolo o sulla pagina Facebook se vi fa più comodo che cerchiamo di capire dove sia l’intoppo.

Una volta connessi siamo pronti per caricare i nostri file.

Connessi al server FTP ? Allora carichiamo i nostri file sul server online.
Bene, ora siamo pronti per eseguire il caricamento di tutti i file, quindi siamo pronti per il passo decisivo.

Filezilla è suddiviso in 2 finestre principali:

Nel lato sinistro abbiamo la vista del “Sito Locale”. Operando nelle due finestre possiamo navigare tra le cartelle fino a raggiungere la cartella dove abbiamo ospitati i file di wordpress scaricati.

Nel riquadro di destra invece abbiamo la vista del server remoto. (Vedi prossima immagine)

Se tutto è stato configurato correttamente nel riquadro in basso a destra dovremmo trovare qualche file numerato come ad esempio 400.html, 500.html etc.., se così fosse, allora è tutto ok, siamo sulla cartella giusta dove caricare i files.

Risoluzione Problemi: Possibili situazioni differenti…

Se invece di trovare dei file 400.html 500.html etc.. troviamo una situazione dove una delle cartelle presenti è la cartella web, prima di caricare i file dobbiamo fare doppio click ed entrare nella cartella web.

Questa situazione purtroppo non è sempre uguale, in differenti installazioni ho trovato situazioni differenti, quindi può essere che i files già presenti nel server online differiscano un po’ tra installazione ed installazione.

In ogni caso, se non trovate una situazione come quella descritta nei due casi che presento, dovrebbe essere comunque intuitivo capire quale sia la cartella adatta per pubblicare i files, perchè in genere ha nomi intuitivi, come ad esempio “Web” o “www” o “public” etc…

Eventualmente esplorate un pochino, dovreste arrivare rapidamente alla soluzione. Potrebbe essere utile eventualmente cancellare dal campo “cartella remota predefinita” il valore : /www che era stato inserito nel pannello avanzate, dalle impostazioni di Filezilla, in questo modo avremmo una visione globale di tutte le cartelle presenti nel server partendo dalla principale, e quindi cercando di individuare la cartella relativa.

Se non riusciste a capire quale sia la cartella adatta dove caricare i file di wordpress provate a chiedere al servizio assistenza di bluehost.

ATTENZIONE! Non sempre si trova la cartella WEB, se tutto è stato impostato correttamente secondo la configurazione spiegata, ci troveremo già nella cartella WWW contenete qualche file tipo 400.html, 500-html etc.. e NON ci sarà una cartella web dove entrare, perchè saremo già nella cartella corretta dove caricare i files.

riquadrifilezilla

Tutti i file di WordPress e le cartelle di wordpress dovranno essere copiate (inviate tramite upload) all’interno del riquadro in basso a destra, oppure se presente, nella cartella web.

Eventualmente i files possono essere anche trascinati dalle cartelle sul desktop dentro il riquadro in basso a destro, facendo attenzione di rilasciarli lontani dalle cartelle presenti, in modo che vengano caricati nella cartella attuale e non in una delle cartelle presenti già nel server remoto.

Una volta pronti caricate online tutti i file di wordpress.

Quando tutti i file saranno stati caricati online avrete una copia fedele della cartella WordPress online all’interno della cartella attuale (www o web) come da figura.

wordpresscaricato

Importante!
Dovranno essere trasferiti tutti i file contenuti nella cartella wordpress, e non la cartella wordpress con i file contenuti dentro. La cartella WordPress contenente i file di wordpress serve solo da contenitore nel nostro computer, ma non dovrà essere trasferita online.

Il risultato finale dovrà essere più o meno come nell’immagine in alto nella finestra sul lato in basso a destra. Potrebbero esserci alcuni file che erano già presenti nel server prima del caricamento di wordpress, questo è normale.

Vedrete all’interno del riquadro, le tre cartelle wp-admin, wp-content e wp-includes, e tutti i file di wordpress incluso il file wp-config.php che abbiamo modificato in precedenza.

Ultimo Passo: installare WordPress!
E’ vero, tecnicamente adesso WordPress è in effetti installato, ma se ben ricordate noi abbiamo creato il database, ma al suo interno ancora nessuno ha scritto nulla per il momento, e quindi il database è vuoto.

Però il sito per avere un nome, ed una grafica ha bisogno che WordPress scriva nel database tutte le informazioni per “installare” effettivamente il sito.

Per questo non c’è nulla di più facile, perchè WordPress quando il database è vuoto, è in grado di riconoscere che siamo alla prima installazione e quindi ci mostra la finestra di installazione WordPress.

Quindi quello che dovremo fare per concludere il gioco sarà di aprire il nostro browser (Firefox, Chrome, Safari o Internet Explorer, o quello che stiamo utilizzando) e inserire l’indirizzo (l’URL) del nostro sito.

Nel nostro esempio andremo su www.vacanzemarinamarea.com e ci apparirà una facciata come questa in italiano, se avremmo installato la versione italiana di WordPress.

Iscriviti adesso e ricevi nuovi post come questo nella tua casella email!

Risoluzione dei problemi: Se siete arrivati fin qui e wordpress non apparisse rivedete subito due cose fondamentali:

1) controllare il file wp-config.php seguendo la procedura di risoluzione problemi spiegata nella sezione Modifichiamo il file wp-config.php il cuore di WordPress

2) Se il file wp-config.php è stato controllato, eventualmente riscritto e ricaricato online e ancora il sito non apparisse dovete verificare di avere copiato i file nella cartella corretta. Eventualmente andate alla sezione risoluzione problemi della zona FTP.

Se nonostante tutto l’installazione di wordpress non funzionasse ancora, potrebbe essere il caso di contattare il servizio assistenza di blue host per accertarsi che non sia un problema da parte loro.

Nel caso tutto sia andato invece a buon fine andando all’indirizzo del vostro sito dovreste trovare una pagina simile a questa:

schermata-installare-wordpress

Qui inseriremo lo user name (nome utente) che vogliamo creare (questo è uno nuovo che dobbiamo crearci ancora) per accedere in futuro all’amministrazione del sito (creiamo uno user ed una password diversi da quelli utilizzati per le operazioni precedenti di Utente FTP e Database) ed infine inseriamo nella casella email, l’email che vogliamo utilizzare come amministratori del sito. (Può essere la nostra, o una che abbiamo creato appositamente per il sito).

Premiamo installa et voila!!! WordPress è installato.

installazione-avvenuta-con-successo

Se andiamo a visitare nuovamente l’indirizzo web del sito questa volta al posto della finestra di installazione troveremo il nostro nuovo sito online installato,non vi preoccupate se avrà un aspetto spoglio, finchè non inizierete a lavorare sui temi e sulle impostazioni troverete solo una finestra molto bianca con il famoso articolo “Ciao Mondo”.

Però se visitiamo www.nomenostrosito.com/wp-admin (nel nostro esempio www.vacanzemarinamarea.com/wp-admin) troveremo l’accesso al pannello di controllo dove se inseriremo lo User Name e la Password che abbiamo appena registrato nell’installazione di WordPress ci permetteranno di entrare nell’area di amministrazione e iniziare a lavorare per modificare il nostro sito al meglio!

Inseriamo lo user e la password appena creati e come per magia entreremo nel pannello di controllo del nostro nuovo e fiammante sito in WordPress!!!

Ed anche questa volta un grande nuovo passo per essere più mannari è stato fatto, benvenuto nel branco!

iscrizione-newlsetter-pecora
Tieniti aggiornato! Iscriviti alla newsletter Mannara!
iscrizione-newlsetter-pecora
17 Comments  

  • Enrico

    Ciao, mi potresti aiutare con l’installazione di wordpress sul mio nuovo dominio. purtroppo non esce niente quando faccio il nome del dominio sul browser avendo tutto apposto su filezilla

    January 11, 2014 - 3:12 pm/
    • Pecoramannara
      Pecoramannara Author

      Ciao Enrico, ti scrivo direttamente in email, così mi dai maggiori informazioni e vediamo di capire dove sia il problema.

      January 13, 2014 - 2:52 pm/
  • Enzo

    Ciao . Vorrei chiederti aiuto nel modificare un tema del sito. Io gestisco un sito fatto da un mio amico per il mio spazio,wordpress montato nello spazio Aruba acquistato. Pian pianino ho imparato a inserire articoli,news,foto ed ora vorrei variare il tema . Purtroppo il mio amico non può aiutarmi ed allora sto cercando di vedere se ci riesco io ; io posseggo nome utente e password per gestire il sito.
    Poi mi consigliò di scaricare filezilla x mac (cosa che ho fatto), e poi mi sono fermato. E’ complicato variare il tema( ne stavo cercando alcuni tra quelli free)…. Cosa dovrei fare?

    February 19, 2014 - 6:42 pm/
    • Pecoramannara
      Pecoramannara Author

      Per variare il tema wordpress è sufficiente dal menu Aspetto –> Tema , selezionare o caricare un tema nuovo, non serve filezilla necessariamente. Modificarlo invece dal punto di vista tecnico, facendo delle personalizzazioni più complesse, è una questione differente, in questo caso, è meglio affidarsi ad una persona competente, oppure a qualcuno che ti insegni come fare, in caso, fammi sapere, scrivimi via mail che ti spiego meglio.

      February 20, 2014 - 3:33 am/
    • Pecoramannara
      Pecoramannara Author

      Ciao Enzo, ho provato a risponderti al tuo indirizzo email, alla mail che mi hai inviato, però il server me la rimanda indietro, provami a scrivermi con un altro indirizzo, spero che possa risolvere.

      February 27, 2014 - 12:46 am/
  • Carlo

    Ciao e grazie per l’utilissima guida!!
    Non riesco a connettermi al server ftp tramite Filezilla…ho impostato tutto scrupolosamente come da te indicato ma al momento della connessione non passo la verifica password (uso la stessa del login a cPanel).
    Dov’è il problema secondo te?

    July 13, 2014 - 10:32 am/
    • Pecoramannara
      Pecoramannara Author

      Mhhh… la password del login a cPanel dovrebbe essere quella corretta, se hai creato un nuovo user, prova invece ad usare quello impostato di default. Altrimenti prova a crearne uno nuovo e quindi una nuova password per vedere se funziona.

      July 21, 2014 - 5:53 am/
  • Ambra

    Ciao, innanzitutto complimenti per i tutorial, sei bravissimo! Mi potresti aiutare con l’nstallazione wordpress? seguendo i passaggi mi ritrovo con una pagina bianca finale del mio sito, non riuscendo quindi a completare l’installazione.
    Purtroppo il sito in questione esisteva già.. (un’amica mi ha chiesto di aiutarla per sistemarlo, aveva comprato lei il dominio su dominiofaidate e non penso sia linux)..ho sbagliato sicuramente qualcosa ma non riesco più a capire cosa.. sul server (uso cyberduck) ho cancellato tutto quello che c’era del sito vecchio tranne una cartella “aspnet_client”che non si cancella..e ho aggiunto wp (in nessuna cartella).

    October 15, 2014 - 6:46 pm/
    • Pecoramannara
      Pecoramannara Author

      Grazie per i complimenti. Se stai installando WordPress ti serve Linux, non hai altre opzioni.

      Devi innanzitutto verificare di avere anche il server linux a disposizione, questo è fondamentale. Una volta che sei certa di avere il server linux, quando vai nella homepage il sistema ti chiede di inserire i dati di installazione e da quel momento vedrai il tutto.

      Purtroppo se non hai il server linux non c’è modo di installare wordpress. Ti serve il server ed il database, requisiti fondamentali.

      Se sei in difficoltà e decisa ad installare WordPress seriamente eventualmente contattami via email, ma ti preavviso che dovrai spostare il dominio in un server differente quindi purtroppo dovrai pensare ad un piccolo costo aggiuntivo.

      October 15, 2014 - 8:33 pm/
  • Daniele

    Ciao, era la prima volta che effettuavo un operazione del genere e tutto è andato a buon fine! Volevo farti i complimenti per la tua guida dettagliata e precisa passo per passo. Sei un grande!

    October 26, 2014 - 3:37 pm/
    • Pecoramannara
      Pecoramannara Author

      Mi fa piacere che sia andato tutto per il meglio Daniele. Grazie per i complimenti!

      October 27, 2014 - 2:08 am/
  • Fabrizio

    Ciao, complimenti per il tutorial, una domanda : consigli di installare wordpress manualmente, vedendo il tutorial dell installazione automatica dal cpanel mi sembra nettamente più semplice e veloce. La mia domanda ė: se l installazione automatica va a buonfine, il risultato è lo stesso come se se fosse stato installato manualmente?
    Grazie mille, Fabrizio

    November 2, 2014 - 6:19 pm/
    • Pecoramannara
      Pecoramannara Author

      Ciao Fabrizio, grazie per i complimenti. Certo, l’installazione automatica è la stessa. Adesso l’installer automatico cambia anche il nome delle tabelle che è un’ulteriore protezione contro le intrusioni quindi è anche preferibile.

      November 2, 2014 - 11:57 pm/
  • Fabio

    Desideravo molto cominciare a conoscere gli aspetti tecnici degli strumenti che uso, così da essere autonomo in qualunque momento, e questa tua guida è stata magnifica e provvidenziale. Mi sto districando da giorni tra voi blogger che ci aiutate a cominciare e, per me, tu sei risultato quello più utile ed esaustivo. Fartelo sapere era il minimo :)
    Grazie Mille!

    January 11, 2015 - 12:47 pm/
    • Pecoramannara
      Pecoramannara Author

      Grazie Fabio per il bellissimo commento. Mi dai una carica eccezionale, sapere che il mio blog ti è utile è già una ricompensa di per se stessa. Grazie per avermelo comunicato. In bocca al lupo per i tuoi progressi.

      January 11, 2015 - 5:23 pm/
      • Fabio

        Grazie :)

        January 11, 2015 - 10:29 pm/
  • Pasquale

    Ciao, complimenti per la tua guida, semplice e chiara. Purtroppo io non ci capisco molto, ti spiego il mio problema , un amico mi ha chiesto di controllargli il sito per modificare alcune opzioni grafiche. Mi ha dato i codici di accesso Cpanel, soltanto che non trovo l’installazione di wordpress , con cui credevo il suo webmaster avesse creato il sito, visto che da un analisi web, vedo che ha utilizzato un template professionale wordpress.
    Forse sono io che non capisco dove si trova wordpress su Cpanel ?
    Seguendo la tua guida al contrario ho cercato il database , non risulta nulla.
    scusami per le domande un po anomale e ti ringrazio per un eventuale risposta.
    Pasquale D.

    April 28, 2015 - 5:12 pm/