Che cos’è WordPress

cosa-e-wordpress

Se ti chiedi come ho fatto questo sito, prima di tutto grazie, spero allora ti piaccia, e secondo è fatto in WordPress.

Se sei curioso di sapere come fare un sito identico a questo, sei sul blog giusto, perchè è prorio quello che insegno, quindi il primo passo è capire cosa sia WordPress, quindi scopriamolo:

WordPress è un sistema di gestione dei contenuti, in gergo anche chiamato CMS (Content Managemet System).

A differenza di un sito web “statico”, cioè un sito classico, che non può essere modificato se non con degli interventi sul codice, un CMS permette all’utente di interagire con il sito attraverso un’area amministrazione.

In particolare possono essere aggiunti, cancellati, modificati articoli e pagine, possono essere caricate immagini, e a seconda dei permessi che ha l’utente, può anche fare modifiche al sito più importanti, quali ad esempio cambiarne l’aspetto, aggiungere funzioni, modificarne il nome, il logo e molto di più.

In realtà WordPress dovrebbe essere più propriamente definito come una piattaforma per blog, perchè in effetti il suo scopo iniziale sarebbe stato quello di essere proprio un sistema per creare un blog, però con il tempo si è evoluto al punto tale che oggi creare anche un sito e-commerce di una certa qualità con wordpress è abbastanza semplice, oltre ad avere integrato oramai moltissime funzioni per la gestione da pannello di amministrazione che permettono di configurare il sito ad un livello da CMS.

WordPress è uno tra i CMS più utilizzati oggi, ed ha la caratteristica di essere tra i più graditi da google.

In sostanza già installare un blog in wordpress è un passo avanti per avere dei vantaggi rispetto ad altri siti per il posizionamento sui motori di ricerca visto come è studiata la sua struttura che a google è molto gradita.

Ci sono alcuni validi concorrenti a WordPress, quindi non deve essere preso in considerazione come l’unica soluzione possibile.
A seconda di quello che dobbiamo fare ci sono molti altri CMS, o piattaforme dedicate, come ad esempio se dovessimo installare un sito di e-commerce avanzato esiste Presta Shop che è un ottimo prodotto, e in certi casi Joomla è un CMS in piena regola che permette di configurare un portale in poco tempo, con un ampia scelta nella configurazione degli spazi e molto altro, ci sono poi altri sistemi gratuiti come Drupal, Movable Type etc.. online si possono trovare migliaia di proposte e tutte sono sempre assolutamente da prendere in considerazioni in base a quelle che saranno le nostre esigenze.

Tutti questi, chiamiamoli CMS, hanno una caratteristica in comune, sono sostanzialmente free (gratis), o per essere più precisi sono Open-source, cioè il codice con cui sono stati fatti è totalmente visibile e modificabile, quindi sostanzialmente non c’è limite alle possibilità di personalizzazione.

Questo fatto è molto importante, perchè online si trovano migliaia di plug-in (componenti che possono essere aggiunti dal pannello di controllo) che permettono di eseguire svariate funzioni, senza considerare che in caso estremo, noi stessi con un po’ di conoscenza del linguaggio php potremmo arrivare un giorno a scrivere i nostri plug-in personalizzati.

Attraverso i plugin è possibile integrare praticamente ogni tipologia di personalizzazione esistente, dal semplice pulsante “Mi piace” di Facebook, ad addirittura arrivare ad integrare completamente un sistema di gestione di un sito con un’area membri avanzata, o un e-commerce.

Inoltre online si trovano moltissimi plug-in di terze parti a pagamento che a prezzi contenuti svolgono funzioni a dir poco eccezionali.
Come se attraverso i plugin non avessimo abbastanza possibilità di personalizzare il nostro CMS, tutte le piattaforme citate in precedenza inoltre offrono la possibilità di cambiare il tema (l’aspetto grafico) del sito, anche se il tema non cambia solo l’aspetto grafico, ma integra delle funzioni speciali che oltre ad aggiungere funzionalità loro stesse a volte al sito, aggiungono funzionalità specifiche anche all’area di amministrazione, e quindi ci sono temi creati da professionisti che hanno svariate possibilità di essere personalizzati in modo importante direttamente dal pannello di amministrazione.

Quindi se servono delle personalizzazioni particolari, è sufficiente a volte cercare un tema che già nella sua costruzione abbia la possibilità di modificare tali opzioni.

WordPress inoltre non è da considerare uno dei migliori CMS solo per questi aspetti.

In realtà andando ad analizzare un po’ più a fondo la faccenda, anche dal punto di vista tecnico la struttura è ben concepita.

Lo sviluppo del CMS è fatto a regola d’arte, e c’è una comunità di sviluppatori attiva che oramai da anni mantiene aggiornato il codice in modo che sia sempre protetto da eventuali attacchi e sempre all’avanguardia con le ultime novità in campo web.

Il codice è scritto in modo semplice e pulito, quindi individuare i file da modificare in caso di necessità è molto facile, senza contare che online si trovano migliaia di tutorial sul come fare determinate operazioni, oltre che un sito di supporto dedicato con la spiegazione di tutte le funzioni di wordpress.

Quindi un prodotto così diffuso, sostenuto da una comunità così grande, sembra essere una soluzione ottima anche per il futuro.

WordPress oltre ad essere un CMS scaricabile ed installabile sui propri server per realizzare un sito web personale, offre online la possibilità di avere uno spazio gratuito dove realizzare il proprio blog.

In questo caso, molte funzioni sono disabilitate e volendo attivarle, purtroppo si dovrà pagare qualcosina, però è uno spazio completamente gratuito studiato appositamente per ospitare un blog di qualità.

Ma un sistema così diffuso e aperto non è più vulnerabile agli attacchi hacker?

Questa è un ottima domanda. WordPress per sua natura di software open-source in effetti potrebbe essere più vulnerabile teoricamente rispetto ad un CMS a pagamento, se non fosse che la comunità che sviluppa WordPress è una comunità così evoluta e professionale che la qualità e la sicurezza del prodotto spesso è superiore ai CMS che si possono acquistare in giro, se non che molte volte questi CMS sono costruiti su una versione di WordPress o su versioni di altri CMS precedenti.

In sostanza molti CMS che si acquistano, proprietari di alcune web agency, sono loro stessi molto vulnerabili, probabilmente molto di più di WordPress, però la loro poca diffusione li rende meno appetibili per eventuali attacchi.

Certo però che se qualcuno prende di mira il vostro sito, forse è meglio avere un buon wordpress con magari qualche plugin per migliorare la sicurezza installato, piuttosto che avere un CMS di terze parti con magari un bel po’ di buchi sotto.

Purtroppo per molte aziende produttrici di CMS (ovviamente non tutte) non è facile competere con sistemi open source, perchè in effetti un azienda che sviluppa un CMS può disporre di pochi sviluppatori che lavorano sul codice, e in generale è comunque limitato anche il numero di utilizzatori del prodotto, e quindi non è sempre immediato individuare eventuali difetti o zone di possibile attacco, mentre per una comunità così grande di sviluppatori ed utilizzatori, come quella di WordPress è molto più facile scovare i buchi nel software e sottoporlo a stress per capire eventuali debolezze, oltre che la velocità con la quale una comunità così sviluppata permette di risolvere eventuali problemi è alquanto insuperabile.

Ok, wordpress mi piace, ma come si fa ad avere un sito con WordPress?

Avere un sito con WordPress è relativamente semplice, basta andare su un qualsiasi hosting che può ospitare wordpress e acquistare un dominio (se già non ne possediamo uno) con associato un piano hosting che comprenda un Server Linux – Apache, cioè con la possibilità di disporre quindi di un database.

In questo modo avremo la struttura per poter installare WordPress. In generale ci sono hosting che permetto l’installazione automatica tramite pannello di controllo di un blog wordpress in modo facile ed immediato, ed hanno un ottima struttura studiata ad hoc per poter ospitare al meglio un sito WordPress.

Io personalmente utilizzo BlueHost che a mio parere offre moltissimi vantaggi, perchè oltre ad essere economico, permette nello stesso server di avere più domini, e protegge anche i dati personali a richiesta, in modo che nessuno possa conoscere chi è il proprietario del sito, sopratutto Google.

Utilizzano il c-panel che oggi è il pannello di controllo in assoluto più semplice e rapido per operare, senza contare che è in effetti comunque il più completo, tutti gli hosting seri dovrebbero averne uno.

Questo elemento ha molteplici vantaggi, primo fra tutti la possibilità di risparmiare sui costi dei database, avendo la possibilità di aggiungere sullo stesso piano di hosting più database (quindi più wordpress) da associare ad altri siti, e quindi pagare solo il prezzo del nuovo dominio, in termini economici può significare un risparmio di 150 euro l’anno a dominio circa.

In un qualche modo BlueHost mi permette di avere tanti siti wordpress, al prezzo di tanti siti statici (molto più economico).

Hanno un servizio clienti impeccabile, e inoltre cosa che spesso viene sottovalutata, danno nella gestione delle caselle email il server smtp (per la posta in uscita personalizzato) inclusa nel prezzo, cosa che in molti piani di hosting si deve pagare a parte, e si paga molto salata.
In questo modo, le email che arriveranno da parte nostra ai clienti saranno contrassegnate come email derivanti da nostro dominio, non dal provider che ci fornisce il servizio internet, o da un casella gmail, cosa che aggiunge un tono di professionalità al nostro servizio non indifferente.

Per darvi un idea di quanto sia semplice installare WordPress su un piano hosting di qualità vi darò un idea di come sia la procedura di installazione in Blue Host, è estremamente semplice, i passi necessari sono questi:

Una volta completata la procedura di registrazione a BlueHost e registrato il dominio, verremmo automaticamente indirizzati al c-panel (pannello di controllo) dove troveremo il pulsante di installazione di wordpress.

E per concludere ecco un video per capire la velocità con la quale si installa WordPress in Blue Host, ma anche in molti altri Hosting che abbiano lo script disponibile:

Se ti è stato utile questo articolo, non dimenticare di iscriverti nel box qui sotto per ricevere i nuovi articoli in uscita e gli aggiornamenti del blog.

iscrizione-newlsetter-pecora
Tieniti aggiornato! Iscriviti alla newsletter Mannara!
iscrizione-newlsetter-pecora
3 Comments  

  • Stefano72

    Ciao Andrea.
    Articolo molto interessante. Davvero.

    January 5, 2014 - 12:25 pm/ Reply
  • Stefano72

    Ciao Andea.
    Ne so praticamente zero di WordPress…!
    Volevo sapere…. (domanda sicuramente stupida …, ma non per me…): avendo un XP Professional installato sul mio pc con relativo IIS 5.1 …, installando wordpress, posso fare delle prove mie in locale? Insomma, creare siti di prova locali?

    Ciao e grazie

    January 5, 2014 - 6:34 pm/ Reply
  • Pecoramannara
    Pecoramannara Author

    Si, puoi certamente fare prove in locale, ti conviene installare wampp, xampp o mampp, per creare un server locale su cui testare, io uso Xampp e mi trovo benissimo. Non sono così pratico di IIS ma credo che con il PHP hai qualche difficoltà, ti conviene installare un server già preconfezionato come quelli descritti sopra in pochi mimuti installi Wp e fai tutti i test che desideri.

    January 5, 2014 - 8:06 pm/ Reply

Leave a Reply