Come Creare un blog e sentirlo crescere sotto le tue dita

Il mestiere di Blogger è un lavoro unico.
La libertà che ti può dare, avere a che fare con un pubblico online è unica.

E vivendo all’estero da più di due anni, ti posso garantire che senza la mia attività online non potrei permettermi il tenore di vita che vivo adesso.

E sapere come creare un blog è il primo importante passo da fare, ma non certamente l’unico.

blogger-si-diventa

Navigando online e studiando l’attività online a mio parere si viene facilmente a contatto con troppi contenuti fuorvianti che confondono e realmente allontanano da tutte le possibilità che il business online offre.

Spesso questo mondo di Guru fa perdere la percezione di quello che è realmente possibile.

La prima considerazione da farsi è certamente che un blog può darti da vivere, e te lo posso garantire in prima persona.

Ci possono essere delle considerazioni da fare in merito al mercato e alla nicchia, ma in questo caso non è lo scopo dell’articolo.

Un blog che genera un reddito online per essere chiari, al contrario di quello che si può credere non deve essere necessariamente un blog sul web marketing, anzi!

Inoltre, non è necessariamente un blog che fa milioni di visite.

La proporzione visite / guadagni non è sempre così, anzi.

Ho blog che con poche decine di visite al giorno generano le stesse vendite di blog con migliaia di visite al giorno, e questo dipende solamente da come si è studiato e capito il nostro audience.

Quindi dimentica tutte le chiacchiere su SEO, traffico, magie etc… e focalizzati sulle persone, sul tuo audience.

Tuttavia bisogna sapere anche che non è semplice essere un blogger se non ami il tuo contenuto.

E se ami il tuo contenuto, a volte è dura comunque.

Quindi, oggi ti voglio mostrare come si crea un blog secondo le logiche mannare e anche se ti aspetti probabilmente di uscirne con un corso di 50 ore complicatissimo, non sarà così, in realtà quello che leggerai da qui in poi è veramente semplice.

Come si apre un blog

Il primo passo per avere un blog di successo è … aprire un blog

Questo primo passo richiede non meno di mezz’oretta ed il costo è davvero irrisorio. Ho scritto una guida abbastanza completa tempo fa su come si apre un blog di successo.

Adesso ci sono le nuove versioni di WordPress, quindi mi ripeto sempre di aggiornarlo, ma il tempo è sempre poco.

Tuttavia sono convinto che rimane ancora una delle più semplici guide del web per creare un blog.

E ti consiglio di seguirlo con attenzione.

Contenuti di Valore e Blog di Valore

Quello che mi impressiona del web oggi è la facilità / difficoltà nel poter realizzare le cose.

Navigando puoi trovare guide che ti insegnano tutto, automatizzare tutto, ma anche complicare tutto.

Spesso si trovano anche articoli e guide che portano a sottovalutare molte cose che andrebbero rivalutate, come anche sopravvalutare cose che andrebbero invece svalutate o magari viste sotto un’ottica completamente differente da quella presentata.

Uno degli aspetti maggiormente sottovalutati ad esempio è la creazione di un sito web, molti pensano che fare un sito fatto bene sia una cosa che si fa con 300 euro, ma non è così.

Anche se alla fine il CMS è lo stesso, il template si acquista con pochi euro e sembra tutto facile, questi elementi sono solo la punta di un iceberg, sono gli strumenti sui quali un professionista sa costruire una struttura efficiente.

Un blog professionale costa molto, e vale ogni centesimo.

Blog

Ho costruito tantissimi blog per clienti e per me stesso negli anni, e nonostante la mia cultura del web partisse già da un punto abbastanza elevato già al mio primo blog, oggi quello che faccio non assomiglia per nulla a quello che facevo all’inizio e la cura e la professionalità che si ottiene è qualcosa che non sempre è facile trovare.

Ancora oggi blog dopo blog, si sono piccole cose che aggiungo che fanno grandi differenze, e per questa esperienza, non ci sarà mai una guida in grado di riportarla.

Tuttavia questa conoscenza, benchè sia un punto di partenza importante, in questo articolo non è quello che ci serve, e se la realizzazione del Blog viene sottovalutata, invece c’è qualcos’altro che viene sopravvalutato, o più spesso mal capito.

La SEO viene sopravvalutata.

Eh già! E’ un buon punto commerciale per attirare l’attenzione del cliente, ma in realtà quella SEO che leggiamo tutti i giorni in tanti articoli e corsi online alla gente che lavora davvero non serve.

Tutti quegli articoli come “i 200 definitivi fattori SEO” , o “I 10 comandamenti per posizionare subito il tuo sito” sono cose che non si dovrebbero nemmeno leggere.

Non voglio dire che la SEO non sia importante, anzi, ma non è quel tipo di SEO che serve, ma quella che fanno i professionisti.

Quindi facciamo subito un po’ di chiarezza su questo primo aspetto.

Avere un blog di qualità significa fare una SEO di qualità?

A questa domanda, la risposta è decisamente NO.

Un blog di qualità è un blog di qualità, la SEO è la cartina tornasole che indirizza un blog di qualità nella giusta direzione.

Nemmeno il traffico tecnicamente può essere imputato realmente alla SEO, a meno che il tuo programma di lavoro non sia seriamente basato su un approccio specifico SEO.

Ma a volte quando parlo di questo, dubito davvero che molti sappiano davvero a cosa mi riferisco.

Per capire di cosa stò parlando forse questo articolo ti può aiutare: Come fare visite su un sito con un approccio SEO.

Se il tuo traffico è un effetto del tuo marketing allora il tuo approccio SEO deve essere orientato in modo differente.

La SEO (se ben fatta) ha tutto un altro scopo da quello per cui viene venduta.

Se dovessi dare una mia definizione professionale, il suo scopo è di indirizzare il giusto traffico verso il tuo sito, massimizzando ogni sforzo creativo, minimizzando ogni spreco di tempo in lavori non produttivi.

Un buon SEO in sostanza fa le pulci al lavoro del blogger, correggendo la sua rotta minuto per minuto.

E’ come il cartografo della nave, tu gli dici la destinazione e lui ti sa tracciare la miglior rotta, sa identificare il modo migliore per percorrerla, ti da i tempi di percorrenza, il consumo di carburante, ti guida fuori dalle tempeste e sa leggere il radar e l’eco scandaglio meglio di come respira per non dire che molto spesso gli strumenti li inventa lui.

Il vero SEO, naviga nei dati e nei Log del Server, e non nelle tecniche segrete.

E purtroppo per chi ha davvero bisogno di un vero SEO, chi sa navigare nei dati davvero costa di più di un Guru.

Quello che fa la differenza è la consapevolezza e l’esperienza.

Sapere come integrare nel modo corretto alcune metriche di misura a volte può richiedere molta esperienza e ricerca e sapere quali dati cercare conta.

La prima volta che ho visto una penalizzazione ho capito quanto importante sia la SEO e ho capito perché le strategie segrete non contino davvero.

Un vero SEO che ti mantiene lontano dalle penalizzazioni e che sa come non fare cadere la tua azienda in disgrazia da un giorno all’altro ha un valore inestimabile.

Se sa farla crescere nel modo giusto inoltre, vale ancora di più.

Purtroppo però, la SEO da Guru non è questo, anzi, in genere la strategia “segreta” è quella cosa che porta gli inesperti poi alla penalizzazione.

E se il fatturato della tua azienda dipende dal tuo sito, ahimè, dovresti considerare il SEO come la regina negli scacchi.

Quindi, per avere traffico seguire la strada della SEO soprattutto se fatta di tecniche segrete, non è a mio parere la strada migliore per chi inizia.

Avere un buon SEO al proprio fianco è INDISPENSABILE, lo sottolineo, ogni sito dovrebbe avere un WebMaster ed un SEO sempre a portata di mano, per non dire un addetto al marketing, copywriter etc, ma quando si inizia, non è qualcosa che il budget può permettere e quindi in questa guida ti mostro come creare il tuo blog senza (almeno nella fase iniziale).

Tutto i segreti per creare un blog di successo in un’unica frase

Il mio consiglio per creare un blog di successo è sempre lo stesso da tanti anni, semplice ed efficace, ed ha sempre funzionato:

Scrivi tanto, scrivi bene, approfondisci gli argomenti variando nel tipo di informazione e condividi il tuo contenuto come se la tua vita dipendesse da esso.

E se questo significa essere anche un po’ sfacciati, la risposta è decisamente sii sfacciato! Un blogger di successo è anche un po’ sfacciato, non ha paura di esporsi e di spendersi, non teme le critiche e va per la sua strada.

Però essere un blogger significa presto o tardi diventare un professionista di ciò che scrivi, perché il processo di scrivere comporta automaticamente studiare il tuo contenuto, approfondire e scrivere tanto.

Quindi proprio per questo vediamo uno degli aspetti più difficili da affrontare per un blogger:
I contenuti!

Come trovare i contenuti per il tuo nuovo blog?

Se ti sei guardato intorno, scoprirai facilmente che è davvero quasi scritto tutto.

Cerchi un’informazione in Google e voilà, nell’80% dei casi trovi la risposta.

Ma è la vera risposta?

NO, non sempre lo è, è solo una delle tante risposte, ma per capire cos’è vero, un lettore avanzato deve investigare a fondo, a volte per scoprire che quello che si è trovato non era realmente il contenuto che si credeva essere.

Quindi, qual è il lavoro di un buon blogger?

Investigare appunto a priori, approfondire e capire quali contenuti sono ricercati (nella tua nicchia ovviamente), e scrivere di essi meglio di come abbiano scritto gli altri.

Dare quell’informazione che troveresti solo con ore di approfondimento e renderla fruibile nel migliore dei modi.

La realtà è che c’è bisogno di blogger così!

Tantissimi articoli che si trovano online sono prodotti da copywriter su commissione, ed essendo molto bravi e produttivi, questi articoli sono molto presenti nel web.

Articoli ben scritti che alla fine non dicono quasi nulla. Ne puoi leggere centinaia, e quello che ti rimane sono solo informazioni generiche.

Invece avere info concrete non è facile, e l’utente reale, quello che vuole informazioni ha bisogno di questi contenuti.

Si ha bisogno di articoli e contenuti completi, approfonditi, che diano davvero le risposte che servono.

E quando parlo di contenuti non mi riferisco solo a testi, ma anche video, infografiche, slides, immagini e molto altro.

Quindi per capire quali siano le risposte che servono ecco una piccola guida che potrebbe esserti decisamente utile:

Come si fa quindi un blog fatto di contenuti?

Alla fine quello che serve è scrivere e bene e tanto.

Il giusto equilibrio è nella capacità di scrivere contenuti in modo costante, al giusto livello di qualità e cercare di condividerli nel migliore dei modi possibile nel minor tempo possibile.

Quindi il tuo tempo deve dividersi tra scrittura e marketing del tuo contenuto, e questo sia che tu scriva in un blog personale che aziendale, non fa differenza.

Quindi vediamo come si possono diffondere i contenuti.

Uno dei miei articoli più letti è proprio come aumentare il traffico del tuo blog in tempo reale.

E’ una pratica aggressiva che ti fa fare traffico subito, e quindi dovresti guardarlo.

Tuttavia non è certo l’unico modo per fare traffico, e nemmeno il più efficace.

In questo caso la cosa migliore sarebbe studiare a priori quali strategie per fare traffico dovrebbero essere attuate.

Questo dovrebbe avvenire ancora prima di mettere online un blog.

E dovrebbero essere strategie per il breve, il medio ed il lungo termine. Sembra banale, ma la maggior parte delle volte di questo non di parla.

Tuttavia per chi ama correre, la strategia migliore è di partecipare alle comunità.

Recentemente ho portato un blog di un mio cliente oltre le 4000 visite al giorno solamente con una strategia di “partecipazione” alle giuste comunità.

La cosa più ovvia per avere successo subito è attuare immediatamente delle strategie semplici, senza complicarsi la vita con SEO e tecniche segrete.

Ovviamente in una strategia ben studiata da un professionista intervengono moltissimi fattori che non potrei scrivere nemmeno se usassi tutto il blog, tuttavia il succo del discorso riassunto in 12 punti è questo:

  1. Prendi un software, come BuzzSumo (meglio se la versione a pagamento che ti permette di filtrare i contenuti per Nazione e lingua) o Topsy, ma ce ne sono molti altri, e studia cosa fa tendenza nel web.
  2. Inserisci parole chiavi relative alla tua nicchia e fatti una bella lista di tutti i contenuti che sono i più condivisi
  3. Poi prendi lo strumento di Google AdWords o uno strumento che ti suggerisca parole chiavi in base al volume di traffico
  4. Fai una ricerca della parola chiave o frase che identifica quel contenuto
  5. Prendi una buona serie di parole chiavi tra le più coerenti con la tua nicchia che ti vengono suggerite
  6. Scegli sia quelle con tanto traffico che quello con meno, tutto è importante alla fine, Google apprezza i sinonimi quindi fai si che nei contenuti del tuo sito quelle parole chiavi siano presenti
  7. Scrivi articoli che contengano in modo NATURALE quelle parole chiavi, non forzare la loro presenza
  8. E poi inizia a cercare tali parole su Google e sui social network, trova gruppi e forum che siano relativi a tale nicchia o che contengano il possibile “cliente” di tale nicchia. Pensa a mente aperta, dove sono le persone a cui potrebbe interessare il tuo contenuto?
  9. Da qui il tuo lavoro è di programmare un’attività quotidiana stabile di scrittura e condivisione.
  10. Invia mail ogni giorno ai blog di nicchia che hai incontrato nelle tue ricerche creando relazione, sottoponendo i tuoi contenuti, indicando articoli nel loro sito dove un link al tuo potrebbe essere un valore aggiunto. Comunica, non spammare. (beh spamma anche un pochino se ti senti a posto con la coscienza :D)
  11. Scrivi nei forum, partecipa alle comunità, gruppi Facebook, Twitter, rispondi alle domande, partecipa attivamente e quando te ne viene offerta la possibilità metti il tuo link, e se l’opportunitá non ti viene offerta, creala. Offri il tuo prodotto, e se è possibile inserire una firma nei forum mettila con il link ai tuoi contenuti.
  12. Sii presente, attivo, dialoga e comunica dando valore.

Forse leggendo questa piccola lista darai per scontato di leggere uno dei contenuti banali come tanti che trovi online.

Penserai, non può essere questo il trucco per il successo di un blog, perché non mi è stato venduto nulla, e sembra troppo semplice a dirsi, ma purtroppo questo è il vero successo di un blog.

Lavorare in modo consistente é un passo importante per entrare a piedi uniti in questo mondo, e sebbene si riassuma in 12 punti ti garantisco che quando sarà il momento di procedere non sarà così semplice.

Ed in fine ti ricordo che è una questione di tempo.

Più riesci a produrre in un certo tempo, maggiori saranno le tue possibilità di successo.

Quindi chi riesce in un’ora a scrivere 3 articoli avrà più successo di chi ne realizza uno. Dunque concentra i tuoi sforzi verso l’ottimizzazione.

Usa software che automatizzino operazioni ripetitive, come il completamento automatico quando scrivi firme, o codice, software che ti aiutino nella video scrittura.

Organizza il lavoro in modo da non perdere tempo,meli mina le distrazioni e sii produttivo/a.

Chi mantiene più forum avrà più visibilità di chi ne gestisce meno, e lo stesso sarà per molte molte altre cose.

Quindi il mio suggerimento è di essere consistenti nella produzione di lavoro e qualità, spingere il proprio prodotto con intelligenza, e non essere troppo invadenti, ma un po’ di arroganza non guasta mai.

E per il resto… il mio in bocca al lupo, o meglio alla pecoramannara

A proposito, iscriviti alla mia newsletter, oppure non contare le pecore quando vai a dormire, ed é una minaccia.

iscrizione-newlsetter-pecora
Tieniti aggiornato! Iscriviti alla newsletter Mannara!
iscrizione-newlsetter-pecora